Smau Bologna | R2B 2017

CASI DI SUCCESSO

EVENTO COLLEGATO

Giovedì 8 - ore 11:30
Studio TV

Open Innovation, dalla competizione alla collaborazione

by Antonio Baldassarra , Alvise Biffi , Angelo Marino , Marco Palmieri , Simona Regina , Andrea Utelli

Scopri i protagonisti del Live Show, evento live in streaming condotto da Simona Regina di Radio24 e Triwù, la web TV dell’innovazione.Sei un imprenditore, un manager, un decisore...

(posti esauriti)
ISCRIZIONI CHIUSE
Newsgroup, blog, contest, l’importante è comunicare e attrarre talenti e idee

L’Open Innovation di Seeweb

Antonio Baldassarra, CEO Seeweb: “OI non risponde a una esigenza rilevata in azienda, non risolve problemi, ma apre nuove opportunità, nuove strade”

L’azienda
Seeweb è un Cloud Computing Provider che offre soluzioni IT dal 1998. Presente in Italia con quattro data center di proprietà, a Milano e Frosinone, fornisce servizi di alta qualità e unici quanto a tecnologia e scalabilità. Tra i primi registranti di domini in Italia e primi nell’introdurre sul mercato italiano soluzioni cloud, Seeweb fornisce una vasta gamma di prodotti e servizi in ambito SaaS, IaaS e PaaS, nonché soluzioni che vanno dall’hosting condiviso al server dedicato, dallo streaming alla colocation.

L’idea in breve

Seeweb ha iniziato a “praticare” quella che adesso si chiama Open Innovation intorno al 2005/2006, dopo aver verificato la difficoltà di fare innovazione “dall’interno”, a partire dalla soluzione di uno specifico problema o di una specifica esigenza.

In un ambiente abbastanza collaborativo e aperto come quello delle nuove tecnologie, Seeweb ha iniziato a frequentare il mondo delle start up, i giovani talentuosi  con buone idee e grandi capacità.

Con alcuni di loro sono stati fatti accordi di collaborazione: oggi alcuni prodotti e servizi di Seeweb sono nati da idee esterne all’azienda, da un processo di Open Innovation. 

Cogliere l’opportunità

Open Innovation,  per  Seeweb, non si caratterizza come un processo incrementale che va a cercare all’esterno le risposte a bisogni emersi all’interno dell’azienda, ma piuttosto come uno scarto, un salto, la capacità di cogliere una opportunità, una idea, un prodotto  a cui non si era pensato.

Le modalità con le quali una azienda come Seeweb sollecita apporti esterni sono abbastanza rodate: all’inizio c’erano i newsgroup, spazi di discussione aperti sui quali era possibile intercettare persone, idee, talenti. Più di recente l’azienda ha aperto dei contest, visibili sul blog, dedicati ad esempio alla sicurezza.

Questo processo collaborativo e aperto è favorito dal fatto che spesso si lavora su soluzioni basate su open source, e in molti casi non c’è interesse a proteggere una soluzione con brevetti, quanto piuttosto a portarla velocemente sul mercato, prima degli altri.

I benefici

Tra i benefici di un processo di Open Innovation all’interno di una azienda consolidata si può annoverare la possibilità di attingere e di sviluppare a soluzioni, prodotti e opportunità - per l’azienda stessa – che nascono in un ambiente più vivace e libero da vincoli e condizionamenti, e spesso anche più recettivo riguardo alle esigenze e ai bisogni del mercato.

Il vantaggio dell’Open Innovation, e della collaborazione tra una struttura consolidata e start up o gruppi di lavoro esterni e autonomi, risiede anche nel fatto che rende possibile la sperimentazione di nuove soluzioni, in un ambiente meno vincolata da questioni normative, legali e di certificazione.

Settore: ICT - Open Innovation

SCARICA IN PDF