Smau Milano 2015

CASI DI SUCCESSO

WORKSHOP COLLEGATO

Venerdì 23 - ore 14:30
Sala 1 - Pad.2

Innovazione e competitività per le imprese italiane: Trasformazione Digitale e Open Innovation - Premio Innovazione Digitale e Premio Lamarck

La Trasformazione Digitale delle imprese tradizionali, dal manifatturiero, al commercio e turismo fino ai servizi, è un requisito vitale per l’evoluzione e la competitività del...

ISCRIZIONI CHIUSE

Edicom diventa partner di Candy Hoover Group e “traduce” ordini e fatture per i mercati di tutto il mondo

L'IDEA IN BREVE

È un lavoro di “traduzione” continuo quello che è necessario compiere per rendere compatibili i linguaggi di applicazioni ERP gestionali di aziende situate in diverse parti del mondo, con lingue e linguaggi informatici differenti uno dall'altro. Un lavoro complesso ma imprescindibile per una multinazionale come Candy Hoover che innesta le sue filiere commerciali nella logistica dei cinque continenti. Fare bene questo lavoro significa dunque ottimizzare i trasporti e accelerare gli scambi commerciali, motivo per cui la multinazionale ha scelto come partner Edicom, un grande gruppo a livello internazionale in EDI (Electronic Data Interchange, interscambio elettronico di dati tra sistemi informativi) e nella fatturazione elettronica, che progetta modelli di trasmissione e integrazione di dati tra aziende.

L'ESIGENZA

Lavorando in 21 mercati differenti, sia all'interno sia all'esterno dell'Unione Europea, Candy Hoover Group serve un numero di clienti estremamente ampio e diversificato, formato da grossi operatori della logistica e della Grande Distribuzione Organizzata. La necessità di “far parlare” le applicazioni del proprio sistema gestionale ERP con quelle delle aziende con cui si intrattengono rapporti commerciali è fortemente sentita: dal momento che ogni partner di business ha le sue specificità, lo standard Edifact (Electronic Data Interchange For Administration, Commerce and Transport) deve essere personalizzato in base ad esigenze specifiche dei partner.
È un tipo di operazione che in passato era a carico di personale interno a Candy Hoover Group, ma poi divenuta critica con l'allargarsi dei rapporti commerciali e l'incremento della domanda.

LA SOLUZIONE

Il progetto è stato avviato nel 2010, quando Candy Hoover Group ha trovato in Edicom il partner ideale per esternalizzare l'operazione di traduzione degli scambi commerciali nei diversi standard richiesti (EDIFACT, TRADACOMS, XML e altri ancora). Le procedure sono state progressivamente abbandonate dallo sviluppatore interno e nel 2012 è stato preso in carico da Edicom in toto. L'azienda non ha acquistato un prodotto, ma un servizio che consiste in sostanza nella disintermediazione delle richieste che vengono dal mercato: Candy invia a Edicom il file “neutro” relativo al messaggio desiderato, prelevandolo dall'ERP aziendale, ed Edicom lo personalizza traducendolo secondo le esigenze e le specificità del partner.

Lo stesso avviene per la ricezione degli ordini e dei sales report, o per l’invio delle fatture elettroniche e di molti altri documenti commerciali. Fino a oggi i messaggi tradotti per i partner, siano clienti, fornitori od operatori logistici, sono più di 250, per un volume di 30.000 messaggi scambiati al mese.

L'apporto di Edicom è quello di uno specialista nel settore, che può mettere a disposizione del cliente una potente infrastruttura di risorse tecniche e umane specializzate nel servire migliaia di clienti in tutto il mondo, per i quali gestisce e amministra le piattaforme business-to-business effettuando ogni tipo di transazioni elettroniche con clienti, fornitori, operatori logistici.

IL CAMBIAMENTO

La partnership con Edicom ha permesso a Candy Hoover Group di accelerare il time-to-market, ossia il tempo che intercorre dalla ricezione della richiesta di un partner relativamente a uno specifico messaggio (o un set di messaggi) alla sua effettiva implementazione. In un contesto internazionale in cui gli operatori sono abituati a mobilitare notevoli volumi di merce, l'attivazione di relazioni tramite lo standard EDI è considerato un prerequisito indispensabile per attivare una relazione di business. Senza questo presupposto non vengono neppure inviati ordini all'azienda. Pertanto, saper rispondere con tempestività a questa richiesta si traduce in un incremento di business e di fatturato.

A cascata deriva anche il miglioramento della customer satisfaction, perché l'EDI è percepito dal cliente come un servizio aggiuntivo nella relazione commerciale, visto che consente anche al distributore di ottenere processi logistici più fluidi, eliminando stock out o eccessi di inventario.

Intrattenere relazioni mediate da standard EDI procura un ulteriore vantaggio a Candy Hoover Group, perché permette di acquisire conoscenze sulle vendite sell-out (al consumatore finale) e non solo sell-in (nei rapporti business-to-business). Queste informazioni consentono di testare l'efficienza delle campagne di marketing e la risposta dei clienti.

L'AZIENDA

Fondata nel 1946 a Monza, Candy Hoover Group oggi è una multinazionale formata da circa 40 società, che opera in 21 mercati diversi, sia europei sia extra-europei. Produce e commercializza un'ampia gamma di grandi elettrodomestici, con un posizionamento medio-alto basato sulla continua innovazione e su prestazioni e design d’avanguardia, non soltanto nei piccoli elettrodomestici, come i prodotti per il floorcare, ma anche nei grandi elettrodomestici come i prodotti per il lavaggio, la cottura e la refrigerazione, sia per accosto che per incasso. Il fatturato ammonta a circa 1 miliardo di euro e i dipendenti sono circa 6 mila, dislocati negli stabilimenti situati in Italia, Francia, Turchia, Russia e Cina.

Video :

A cura di:
Edicom

Settore: Elettrodomestici

Area Tematica:
Sistemi Gestionali Integrati

SCARICA IN PDF